Blog

Burger Big: dalla Ghost Kitchen a casa in un lampo

001-3-960x811
Brand Ghost Kitchen Italia / Curiosità in Cucina per Ghost Kitchen

Burger Big: dalla Ghost Kitchen a casa in un lampo

Burger: un evergreen duro a morire, ma non a rinnovarsi

Tutti conoscono i Burger, ma pochi sanno la loro storia. Se domandate ai vostri conoscenti qual è il paese in cui è nato l’Hamburger, questi vi risponderanno sicuramente che il “Re del cibo da Fast Food” è nato negli USA, ignorando completamente le origini tedesche del piatto. Ma questo, in fin dei conti, ci interessa molto relativamente. I Burger sono quel genere di piatto che non ha bisogno di avere una storia interessante alle sue spalle. Ciò che gli interessa, è piacere ai buongustai. E lo stesso ragionamento si può riferire a ciò che si trova all’interno delle sue due fette di pane. Oggigiorno esistono hamburger di tutti i tipi, da quelli classici a base di carne bovina che si possono ordinare in qualsiasi piattaforma di Food Delivery , a quelli vegani o vegetariani, passando persino per gli hamburger crudisti, a base di tartàre di carne o pesce. In questo articolo andremo a parlare di Burger Big, un nuovo marchio di cucine fantasma indipendenti che si prefigge un obiettivo assai ambizioso: emergere in un mercato estremamente concorrenziale, in cui i grandi Fast Food spesso – è proprio il caso di dirlo – banchettano con le piccole realtà.

Burger Big: caratteristiche principali del brand

Come abbiamo già sottolineato nel precedente paragrafo, questo nuovo marchio mira a diffondersi sfruttando il modello della Ghost Kitchen indipendente. Al pari di una catena di Fast Food tradizionale, come per esempio McDonald’s o Burger King, è possibile aprire la proprio cucina fantasma con il marchio Burger Big nella città che si preferisce. Ovviamente la scelta della location è subordinata a politiche aziendali. Per il momento, il brand è presente in 5 città di 5 regioni: Roma, Milano, Torino, Cagliari e Firenze. Mentre le prime tre location non destano la nostra sorpresa, lo stesso non si può dire per le ultime due. Evidentemente si è scelto di muovere i primi passi anche su città poco sature, seppur in maniera relativa. Il logo di Burger Big merita un’attenta analisi.

Il logo di Burger Big presenta elementi che richiamano alla forma dell’hamburger e alle caratteristiche degli hamburger offerti

 

La grafica è accattivante ma allo stesso tempo fugge da artifici eccessivi. Il tratto è dolce, risultando così gradevole alla vista. La parola che domina il campo visivo è “Big”, e già capiamo il messaggio che si vuole trasmettere: gli hamburger che si possono ordinare sono “oversize”, nella forma e nel sapore. La forma di colore giallo posta al vertice del logo è un’allusione alla fetta di pane.

Una rapida occhiata al menù: accostamenti curiosi (ed audaci)

Il menu di Burger Big (consultabile facilmente qui) non ha deluso le nostre aspettative. Ci accorgiamo subito che gli abbinamenti proposti sono all’apparenza comuni, ma ogni panino nasconde una sorpresa. Per esempio, il panino “American Idol” è un Bacon Cheeseburger in cui sono presenti salsa BBQ e cipolle caramellate, ingredienti solitamente non presenti in un comune cheeseburger. E le altre proposte non sono da meno. Ma non vogliamo rovinarvi la sorpresa. Se siete tanto curiosi, ordinatene uno a casa vostra. Burger Big si trova su tutte le principali piattaforme di Delivery, quali Deliveroo, Glovo, Uber Eats e Just Eat.

E se invece doveste essere interessati ad aprire una vostra Ghost Kitchen con questo marchio, vi consigliamo di contattarci al più presto.

 

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Click outside to hide the compare bar
Comparatore
Lista desideri 0
Apri la Lista desideri Continua lo shopping