fbpx

Blog

Cucina Hawaiana: 5 piatti da provare assolutamente

Curiosità in Cucina per Ghost Kitchen

Cucina Hawaiana: 5 piatti da provare assolutamente

Surf, sole, mare… e tanta Cucina Hawaiana da gustare!

La Cucina Hawaiana nasce dall’incontro di moltissime culture diverse. Per chi non lo sapesse, negli ultimi duecento anni le isole del Pacifico sono state la meta prediletta di moltissimi immigrati, perlopiù asiatici. Basti pensare che circa il 40% degli Hawaiani ha origini Giapponesi o Cinesi. Pertanto, non deve sorprenderci che la Cucina Hawaiana sia per molti aspetti simile a quella asiatica. Simile, ma non uguale. Infatti la tradizione gastronomica Cino-Giapponese si è mescolata con quella dei nativi hawaiani. Il risultato è stato uno dei migliori. Le Hawaii quindi non sono solo il posto perfetto per surfare e prendere il sole, ma anche per assaporare gusti esotici eredi di culture millenarie. In questo articolo andremo a vedere 5 piatti hawaiani che vi consigliamo di provare, sia nell’arcipelago che nei numerosi ristoranti hawaiani che stanno aprendo anche in Italia.

Pokè: il sashimi della Cucina Hawaiana.

Per iniziare questa lista, non può mancare la prelibatezza hawaiana più conosciuta al mondo: il Pokè (o talvolta anche Poke). Si tratta di un piatto a base di pesce crudo, servito sia come antipasto che come portata principale. Il termine “Pokè” viene dalla Lingua Hawaiana, e significa letteralmente “tagliare a pezzi”. Si presenta infatti come del pesce crudo tagliato a dadini. Sebbene molti pensino sia di origine Giapponese (in quanto ricorda molto il Sashimi), in realtà questo piatto veniva consumato nell’arcipelago molto prima del loro arrivo. Inoltre, a differenza del Sashimi, i dadini di pesce sono marinati. Solitamente il Pokè è fatto con il Tonno, ma esistono molte varianti, a base di polpo, salmone, pesce misto, frutti di mare e persino vegano. Anche la marinatura ha numerose varianti. Quella tradizionale è a base di olio di sesamo e salsa di zenzero, mentre nelle versioni più recenti si trovano spesso la salsa wasabi, il peperoncino e le cipolline. Non è importante come ve lo preparino, l’importante è gustarlo. Se siete curiosi di assaggiarlo ma al momento non potete partire per Honolulu, vi consigliamo di dare un’occhiata qui.

 

Il Pokè è il piatto principe della Cucina Hawaiana
Un classico Pokè di Tonno, il piatto principe della Cucina Hawaiana.

Salmone Lomi: “massaggiato, non shakerato”.

Un piatto simile al Pokè è il Salmone Lomi, una pietanza a base di dadini di salmone, pomodori, peperoncino e cipolline. La preparazione prevede che il salmone venga massaggiato con sale e mescolato dolcemente con gli altri ingradienti. Non a caso, “Lomi” significata letteralmente “Massaggiare”. L’origine precisa del Lomi è sconosciuta. Anche in questo caso, per molto tempo la sua introduzione si attribuì agli asiatici, ma studi recenti hanno dimostrato che potrebbe provenire invece da qualche altro arcipelago della Polinesia (per alcuni le Samoa, per altri le Kiribati). Di solito viene servito dentro un avocado, particolare che lo rende senza dubbio molto più invitante. Non avete perciò scuse, bello oltreché buono.

 

Un Salmone Lomi servito senza l’Avocado.

Poi: il Jolly della Cucina Hawaiana.

Un altro piatto molto antico è il Poi, una leccornia che può essere definita un vero e proprio Jolly. Di base, si ottiene dal Taro, un tubero simile alla patata. Dal tubero triturato si ricava una poltiglia dal colore violaceo, che può essere cucinata e consumata in moltissimi modi: cotto al vapore, grigliato, fritto o bollito. Quest’ultimo è il metodo prediletto dalla maggior parte degli hawaiani, che di solito lo usano per accompagnare altri piatti di carne. Il Poi bollito si presenta come una sorta di budino dalla consistenza semi-solida e dal sapore acidulo. Noi però vi consigliamo di consumarlo anche fritto, dato che si presta molto bene a questa preparazione. Alle Hawaii ci sono sempre più fast food che servono chips fatte con il Poi. In conclusione, un vero Jolly della cucina hawaiana che può essere declinato in mille salse (e non è solo un gioco di parole).

 

nella Cucina Hawaiana il Poi rappresenta un alimento quasi sacro.
Il Poi spesso è servito assieme ai piatti di carne.

Lau Lau: l’involtino primavera in salsa isolana.

Si tratta di involtini di carne suina, cotti lentamente per ore all’interno delle foglie del Taro. Il Lau Lau viene solitamente servito con maccheroni ed insalate di riso, ma nel corso degli anni le contaminazioni della cucina asiatica ne hanno notevolmente modificato l’accompagnamento. Si tratta di un piatto molto popolare in tutto il Pacifico, e ne esistono molte varianti con carne di pollo o manzo. La carne diviene succosa e dal sapore affumicato, e le foglie che ne costituiscono l’involucro sono commestibili. Si può trovare anche di pesce, ma è una variante spuria, nata solo negli ultimi decenni e non accettata dai più tradizionalisti. Noi nel dubbio vi consigliamo comunque di farci un pensierino.

 

Un Lau Lau di maiale appena servito.

 

Shave Ice: la granita del Pacifico.

Dulcis in fundo, ed è proprio il caso di dirlo, troviamo lo Shave Ice. Questa granita hawaiana di dimensioni notevoli viene annaffiata con tanti gustosi sciroppi colorati. I gusti sono ovviamente perlopiù ai frutti tropicali. In alcuni locali si serve con del gelato, ma questa rivisitazione non sembra avere avuto (fino ad ora) un grande successo fra gli hawaiani. Sembra che siano stati i Giapponesi ad introdurlo. Uno Shiave Ice è ciò che ogni bagnante consuma sotto l’ombrellone, e vi possiamo garantire che non avrete problemi a trovare un chiosco che ve lo serve. Gustatelo come preferite, ma occhio a non farne indigestione!

 

Diversi tipi di Shave Ice, le colorazioni sono date dallo sciroppo.